Excite

Facebook: "Sosteniamo il Made in Italy" cambia nome in favore del Premier

L’aggressione al Premier ha innescato online una gara di solidarietà da un lato e dall’altro un’esaltazione dell’aggressore, considerato un eroe nazionale. Tra i tanti gruppi nati su Facebook, era stato segnalato "Sosteniamo Silvio Berlusconi contro i fan di Massimo Tartaglia".

Guarda le immagini dei gruppi incriminati

Il gruppo aveva oltre 400.000 sostenitori, un numero alto rispetto ai 40.000 fan di Massimo Tartaglia, a dimostrare che molti avevano voluto lanciare un pensiero positivo al Presidente del Consiglio. A poche ore di distanza si scopre che la pagina su Facebook è un falso. Gli è stata cambiata la denominazione, prima era "Sosteniamo il Made in Italy".

Alcuni utenti iscritti hanno subito segnalato in bacheca questo scambio d’identità, giudicando l’atto indegno del web, un modo per modificare la realtà anche online. Si è innescata così una polemica interna al gruppo e pian piano diminuiscono gli iscritti.

Tra le spiegazioni di questo gesto sono stati rilasciati i seguenti messaggi: “Si che è falso! in questo gruppo ci sono almeno 20 persone che conosco che erano al No B Day e non sanno che gli avete cambiato nome...inoltre è del tutto inutile cancellarsi...questa modifica che avete fatto serviva solo a mandare il titolo e i numeri dei partecipanti nei TG...basterebbe questo in un paese con gente pensante per capire”.

Solo in questo modo potete fare iscritti! cambiando i nomi dei gruppi! ormai voi berlusconiani lo fate spesso, la mistificazione e l'imbroglio è il vostro pane quotidiano, avete un partito che vi addestra a farlo! UN PARTITO DI DISONESTI”.

L’ipotesi di complotto più accreditata, oltre ai soliti comunisti, è quella che ci sia stata una forma di sciacallaggio di un sito di aste online, in quanto sono riportati in bacheca messaggi di acquisti online. Un utente scrive: “Ma quanto siamo caduti in basso:aprire un gruppo per le aste online (sotto info notizie) con questa presentazione "presentate i vostri amici per ricevere crediti gratis e partecipare alle aste attualmente in corso. siete tutti invitati a partecipare all'asta per aggiudicarvi un iphone 3gs - 16 gb”.

Update 17:21 - A sfruttare l’onda del cambiamento del nome del gruppo si è inserito anche “No a Facebook a pagamento nel 2010, servono 10.000.000 iscritti!”. Uno di quei club che di per sé non sono reali, in quanto non è previsto una somma di denaro per accedere in futuro al social network e che raggruppano membri per fare dello spam. La pagina ha quasi 2 milioni d’iscritti e in poche ore si è trasformato in “Solidarietà a Silvio Berlusconi”. Anche in questo caso gli utenti si sono ribellati, perché non iscritti volontariamente a tale gruppo.

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2016