Excite

Facebook, niente amicizia tra medici e pazienti

Facebook è un luogo virtuale per incontrare gli amici, trovare nuovi amori e alcuni utenti vorrebbero che si trasformasse in una valvola di sfogo per poter parlare al proprio medico e tenersi aggiornato sulle proprie condizioni di salute. Questa possibilità offerta dal social network è stata bocciata dagli stessi medici.

La ricerca della Rouen University Hospital, in Francia, pubblicata sul Journal of Medical Ethics, indaga proprio quest'aspetto di Facebook, cioè la possibilità dei medici di aggiungere tra gli amici i propri pazienti. Tra i 405 dipendenti dell’Università intervistati, 202 partecipanti hanno completato il questionario e tra questi 147 hanno dichiarato di avere un account sul social network con un proprio profilo personale. Il 99% lasciavano vedere il proprio nome reale nel profilo, il 97% la loro data di nascita, il 91% la propria fotografia, il 59% il proprio curriculum universitario e il 55% la propria attuale posizione.

La richiesta d'amicizia di un paziente, però, non viene accetta con facilità. L'85% di fronte a tale richiesta avrebbero declinato l’invito automaticamente, il 15% avrebbero deciso su base individuale, e solo 9 persone avrebbero automaticamente accettato la richiesta. Questo limite si rende necessario per non incrinare il rapporto e la fiducia tra medico e paziente, fondamentale, a volte, per la guarigione di alcune patologie.

Gli studiosi della ricerca affermano: 'I medici devono essere consapevoli che le osservazioni e le immagini pubblicate online possono essere mal interpretate al di fuori del loro contesto originale e potrebbe non rispecchiare con precisione le loro opinioni e comportamenti della vita reale. Queste informazioni potrebbero anche diventare accessibili per le persone a cui non erano destinate'.

Foto: Flickr

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2016