Excite

Facebook, in Guatemala app per preservare lingua Kaqchikel

  • Infophoto

Va bene il villaggio globale e la comunicazione che raggiunge in tutti gli angoli del globo, ma le tradizioni e origini non vanno mai trascurate. E proprio per difendere la propria lingua e la cultura della terra d'origine, in Guatemala è stato ideato un nuovo progetto che coinvolge anche Facebook. Non bisogna sottovalutare il potere dei social network in tutti i campi, e il Guatemala per recuperare la tradizionale lingua indigena Kaqchikel si avvale proprio dell'aiuto di Facebook.

L'idioma Kaqchikel, infatti, non è incluso tra i 70 previsti di default, ma una speciale applicazione sviluppata da un gruppo di esperti ha pensato a introdurlo. Quando nel corso degli anni '90 nella lingua originaria del Guatemala hanno iniziato a entrate parole nuove, legate spesso all'informatica e alla tecnologia, si è pensato a questo progetto, che poi è diventato realtà, grazie al sostegno di organizzazioni non governative e collaboratori stranieri.

Kaqchikel vive anche su Facebook

"E' un modo di promuovere e rafforzare la lingua" ha spiegato Petronillo Pérez Lopez, presidente dell'Accademia delle lingue Maya del Guatemala. Nel paese dell'America centrale il 38% della popolazione è indigena e ci sono 22 lingue oltre al castigliano, che viene insegnato nelle scuole.

A fine 2011 Facebook poteva contare 845 milioni di utenti attivi al mese e oltre 480 milioni attivi quotidianamente, più di 100 miliardi di connessioni possibili tra i vari utenti che navigano sul social, 7 milioni di app integrate, 37 milioni di pagine con più di 10 like e oltre 250 milioni di foto caricate al giorno.

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017