Excite

Facebook "copia" Whatsapp: ti avviserà se un amico sta scrivendo un commento

  • Excite Italia

di Simone Rausi

Nel mondo del web, e dei social media in particolare, la parola d’ordine degli ultimi anni è stata (e continua ad essere) contaminazione. Ogni qual volta che una buona prassi viene adottata da un social questa viene spesso “copiata” (ma sarebbe più politically correct dire “adottata”) anche da un altro. E non importa che la caratteristica in questione sia perfino parte integrante dell’identità del social stesso.

Facebook: i tentativi precedenti contro i titoli attira click

Gli hashtag, partiti da Twitter, si sono ormai diffusi ovunque. Il video stream di Periscope è stato fatto proprio da Facebook, l’immagine di copertina di quest’ultimo è diventata l’header di Twitter e potremmo continuare ancora a lungo. L’ultima novità in ordine cronologico è la “nuova” funzionalità di Facebook che permetterebbe ad ogni utente di scoprire in diretta se un amico sta scrivendo un commento sotto un post. Una funzione che fa parte dell’identità di Whatsapp, di Skype e di qualsiasi altro servizio di messaggistica istantanea, compreso il Messenger di Facebook.

Per la prima volta questo tipo di funzionalità viene inserita all’interno di un social network. Ma ce n’era davvero bisogno? I commenti sui post di Facebook non sono la massima espressione delle interazioni in diretta. Quante volte vi capita di far partire conversazioni lunghe centinaia di messaggi sotto uno dei vostri post? Esiste inoltre la chat di Facebook, che motivo c’è, quindi, di clonare questa funzionalità? I portavoce di Facebook dichiarano: “Il News Feed è un sistema per rimanere aggiornati sui propri amici e famiglia. Abbiamo ricevuto feedback secondo cui la gente vuole che la propria esperienza su Facebook rappresenti le conversazioni che si hanno nella realtà. Così stiamo valutando di aggiungere una riga sopra il box dei commenti che indichi quando un amico sta digitando. Questo aiuterà la gente ad avere conversazioni in tempo reale con amici e famiglia”.

La mossa, in realtà, potrebbe avere una doppia finalità strategica: da una parte aumentare il flusso di commenti e di interazioni su un post e dall’altra quello di elevare il già ampio tempo di permanenza sul social. Due dati fondamentali per “vendere” la pubblicità su Facebook. Dai piani alti della società dichiarano di non avere ancora una data di rilascio per questa nuova funzionalità ma, nell’ultimo mese, centinaia di utenti americani hanno segnalato di aver visto “A friend is writing a comment”.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2018