Excite

Facebook chiude la pagina del Popolo Viola per poi riaprirla

Per la politica italiana è certamente un momento delicato: mentre in queste ore si decide il futuro del Governo Berlusconi a Facebook fanno la frittata.

Per qualche ora il social network di Zuckerbeg ha chiuso per poco più di 2 ore la pagina Facebook de Il Popolo Viola disattivandoanche gli account degli amministratori.

Senza alcuna motivazione o avviso Facebook ha chiuso la pagina de Il Popolo Viola che ha subito chiesto spiegazioni e si è mobilitato con una petizione sul sito www.ilpopoloviola.it.

Più di 350 mila fans hanno ritrovato scomparsa la pagina alla quale si erano iscritti ha comunicato Gianfranco Mascia, uno degli attivisti del movimento. Non c'è stato bisogno della solidarietà degli utenti di Facebook, ci ha pensato il social newtork a riaprire la pagina con un anomalo comportamento.

La notizia infatti era uscita con un articolo su l'Espresso e le agenzie di stampa dove si parla dei legami tra Roberto Maroni, attuale ministro dell'Interno e Richard Allan numero uno di Facebook Europa.

Nessuna dietrologia. In realtà Facebook ha inviato una email agli amministratori nella quale comunica che si è trattato di un errore e che la pagina de Il Popolo Viola è stata disabilitata per sbaglio.

Di solito Facebook chiude le pagine in seguito a molte segnalazioni o perchè violano alcune sue precise regole. Chissà cosa direbbe la nuova applicazione di Honda su ciò che è successo: The Naughty-Or-Nice-a-Tron infatti valuta quanto e se sei stato cattivo sui social network.

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2016