Excite

Facebook: arrivano i codici numerici per trovare gli amici

Facebook continua a crescere a vista d'occhio: ha ormai superato il miliardo di utenti e sembra proprio non volersi fermare. Ma con l'aumentare degli iscritti arrivano anche nuovi problemi, come i tanti casi di omonimia che, a volte, creano confusione a chi vuole aggiungere un amico ma non riesce a trovare proprio la persona giusta. Per evitare tutto ciò, secondo il sito The Next Web, Mark Zuckerberg starebbe sperimentando un nuovo sistema che andrebbe ad assegnare a ogni membro del suo social network una scorciatoia numerica, ovvero un codice identificativo di otto cifre.

In questo modo, molto semplicemente, se vorremmo farci aggiungere da qualcuno tra i suoi amici di Facebook dovremo solo comunicargli il nostro numero che, inserito in uno spazio apposito, gli permetterà direttamente di collegarsi al nostro profilo. Si tratta di un sistema che, sebbene a prima vista possa sembrare ben studiato, in realtà appare un po' macchinoso, sopratutto per la lunghezza del codice. Otto cifre non sono poche da ricordare, specialmente in un'era in cui ben pochi conoscono a memoria il numero di telefono della propria madre o dei migliori amici, e i casi di omonimia sono spesso risolti grazie a informazioni e foto del profilo che in molti condividono anche pubblicamente.

Proprio per vedere se questi dubbi avranno la meglio sul nuovo sistema, Mark Zuckerberg, stando sempre alla fonte della notizia, avrebbe deciso solo di sperimentare i nuovi codiciandando a includere in questa fase alfa del progetto solo pochi utenti che utilizzano il social network tramite dispositivi mobili per poi, eventualmente e se questo avrà successo, espandere il pubblico coinvolto.

Ma questo non è l'unico cambiamento degli ultimi giorni che vede Facebook come protagonista: oltre all'introduzione dei codici per identificare gli amici, infatti, sono state rimosse due applicazioni mobili correlate al social network, ovvero Poke e Camera. Se quest'ultima permetteva di fare foto e aggiungervi dei filtri un po' in stile Instagram, la prima, riprendendo Snapchat, permetteva l'invio di messaggi “momentanei” in grado di cancellarsi dopo la lettura.

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017