Excite

Elezioni 2013, Par condicio sul web: Presidente Agcom chiede regole

  • Getty Images

In tv spazi e orari prefissati e decisi per dare spazio a tutti allo stesso modo, sul web l'assoluta libertà. La campagna elettorale in vista delle elezioni politiche 2013 è ormai entrata entra nel vivo e il tema della par condicio è sempre di attualità.

Lo ha ricordato il presidente dell’Agcom, Marcello Cardani, che in un’intervista al Tg1 ha evidenziato la carenza di regole per quanto riguarda il web, che non sottostà alla regolamentazione degli altri media.

E' necessario che ci sia una normativa per il web, che non c'è- ha detto Cardani - Al momento tutto ciò che avviene su internet non è sottoposto alla nostra giurisdizione. Il ricorso a strumenti nuovi è crescente e quindi ritengo che il Parlamento prima o poi debba esaminare la questione”.

"Andrebbe fatta una revisione completa del settore, attribuendo in maniera più precisa le responsabilità nei casi di posizioni dominanti o uso scorretto della rete- ha aggiunto il presidente dell'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni -. La vera difficoltà, però, è il problema della misurazione: mentre in tv abbiamo degli strumenti, imperfetti ma relativamente semplici come la rilevazione dei minuti di trasmissione, in un ambito internet il problema è molto più complesso”.

Nel frattempo è sempre più incerto il dibattito politico a sei, con tutti i leader candidati alla premiership presenti in un'unica trasmissione della Rai. Il confronto tv previsto per sabato è a rischio perché non ci sarebbe l’accordo tra i candidati sul numero dei partecipanti al faccia a faccia visto che Silvio Berlusconi sarebbe contrario ad un confronto a sei. L'unico a volere lo scontro a sei sembra essere Bersani.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017