Excite

eBay è responsabile dei prodotti contraffatti

Cominciano a delinearsi delle importanti novità riguardo il mondo dell'e-commerce per quanto riguarda i diritti degli utenti.

Una sentenza della Corte europea potrebbe infatti coinvolgere le aziende ed i siti che fanno ecommerce, commercio digitale. La decisione riguarda il gigante dei cosmetici L'Oréal che aveva visto alcuni suoi prodotti contraffatti essere venduti sul sito d'aste eBay con il suo marchio.

I giudici hanno deciso che eBay può essere ritenuto responsabile visto che non ha fatto nulla per evitare le vendite nè le ha bloccate: la violazione di un marchio da parte degli utenti implica dunque una responsabilità del negozio online. Probabilmente eBay sarà costretto a ricorrere ai ripari e ad adeguarsi prendendo dei provvedimenti sulla sua piattoforma.

Se ospita venditori non può essere accusata di nulla ma se ne favorisce la vendita in qualsiasi modo che sia anche solo presentare i risultati, dare assistenza agli utenti o gestendo i dati comporta una responsabilità soprattutto se è al corrente dei fatti.

L'UE demanda ai singoli giudici nazionali di ordinare ingiunzioni per l'attività di vendita illecita o comunque complicità con essa. L'Oréal aveva già perso nel Regno Unito dove eBay era stato considerato soltanto come un intermediario. A maggio 2009 eBay ha vinto contro L’Orèal e in precedenza contro Tiffany mentre era stato obbligato a pagare 1,7 milioni di euro a Lvmh per vendite non legali di profumi.

Il commercio del falso online d'ora in poi almeno su eBay avrà vita dura, durissima. La decisione dovrebbe far alzare i campanelli d'allarme anche di altri store che dovrebbero adeguarsi al controllo dei prodotti dei venditori.

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2016