Excite

Dottor Google: americani usano il web per diagnosi malattie

  • Getty Images

Un fortissimo mal di testa, o un dolore che non passa alla schiena. Per trovare la diagnosi basta chiedere a Google. Ma attenzione perché si tratta di vero e proprio esercizio abusivo della professione medica praticato almeno dal 35% degli americani adulti. Lo rivela l'Health Online 2013 un'indagine americana condotta dal Pew Research Center nell'ambito del progetto 'Pew's Internet and American Life Project', pubblicato sul 'New York Times' secondo il quale gli americani hanno confessato di ricorrere al web per diagnosticare un problema di salute per sé o per altri.

A farlo sono soprattutto donne e giovani, persone con diploma di scuola superiore e con un reddito familiare superiore a 75 mila dollari l'anno. Lo studio sottolinea come gli americani abbiano sempre cercato di rispondere da soli alle domande sullo stato di salute e Internet ha notevolmente ampliato questa pratica che tra l'altro si sta diffondendo parecchio anche in Italia.

Foto, Twitter: ecco la dieta condivisa, nuova arma per perdere peso

I ricercatori hanno intervistato 3.014 adulti americani al telefono, da agosto a settembre 2012 e circa un terzo dei “pazienti” di “dottor Google” ha spiegato di non andare poi dal medico per avere un verifica professionale, mentre il 41% preferisce farsi confermare la diagnosi da un professionista. Il 18% degli intervistati, inoltre, ha riferito che il dottore non ha confermato la diagnosi “fai da te”.

Dove cercano informazioni i fedelissimi dell'autodiagnosi? Per il 77% dei casi Google, Bing o Yahoo: i motori di ricerca, insomma, sono la prima scelta. Solo il 13% inizia a cercare i propri sintomi su siti specializzati in salute.

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017