Excite

Cloud, nuova strategia UE garantirà 2,5 milioni di posti di lavoro

  • Wikimedia Commons

Almeno 2,5 milioni di nuovi posti di lavoro in Europa e un aumento annuo del Pil dell'Ue corrispondente di 160 miliardi di euro, che equivalgono a circa l'1%. Numeri che fanno pensare positivo e che sono l'obiettivo che l'Unione europea è certa di raggiungere entro il 2020 grazie alla "nuvola", il Cloud computing, che permette di memorizzazione su internet di dati, immagini e video, testi, software, a cui gli utenti accedono tramite diversi dispositivi.

La nuova strategia lanciata dalla Commissione Europea, si pone l'obiettivo di accelerare e potenziare l'accesso alla “nuvola” informatica in tutti i settori economici. “Gli utenti potranno fidarsi ad usare questo nuovo servizio e potranno sfruttare interoperabilità, portabilità dei dati e reversibilità”, ha spiegato il Commissario responsabile per l'Agenda digitale, l'olandese Neelie Kroes.

La maggior parte delle aziende che usa il cloud – ha aggiunto Kroes -è riuscito a risparmiare almeno il 10% rispetto a prima. La nuvola può rivoluzionare anche i servizi pubblici con i tagli alle spese che consente”.

Google Drive debutta: è il nuovo servizio di cloud storage

Molti siti popolari come Facebook, Spotify o la posta elettronica in rete, utilizzano già le tecnologie offerte dal cloud computing - ha segnalato la Commissione europea - ma i reali vantaggi economici si ottengono tramite l'uso capillare di questa tecnologia a livello delle imprese e del settore pubblico”.

La Commissione Ue ha sottolineato, infine, che mira a “sostenere i sistemi di certificazione a livello europeo destinati a fornitori affidabili di servizi condivisibili nella nuvola e creare un partenariato europeo per la nuvola informatica che coinvolga Stati membri e industria, in modo da sfruttare il potere d'acquisto del settore pubblico”.

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017