Excite

Caso Emergency, sul web è mobilitazione totale

E' boom di adesioni alla manifestazione nazionale Io sto con Emergency, in programma a Roma sabato 17 aprile a sostegno dell'organizzazione e per il rilascio dei volontari rapiti a Lashkar Gah.

Guarda il video di Gino Strada a Che tempo che fa

I tre operatori di Emergency sono stati fermati sabato 10 aprile insieme ad altre sei persone a Lashkar Gah in Afghanistan con l'accusa di aver partecipato a un complotto per uccidere Goulab Mangal, governatore della provincia di Helmand.

I fermati, in stato di fermo in una struttura dei servizi di sicurezza afgani, sono Matteo Dell'Aira, infermiere e coordinatore medico, il chirurgo d'urgenza Marco Garatti e il tecnico della logistica Matteo Pagani.

Sul sito di Emergency campeggia l'appello 'Io sto con Emergency' e viene ribadita la linea della Ong di Gino Strada: 'Emergency è indipendente e neutrale. Dal 1999 a oggi ha curato gratuitamente oltre 2.500.000 cittadini afgani e costruito tre ospedali, un centro di maternità e una rete di 28 posti di primo soccorso'.

Molti i firmatari dell'appello tra cui spiccano Maurizio Costanzo, don Gino Rigoldi, Ettore Mo, Fabio Fazio, Lella Costa e tanti altri cui si aggiungono le firme dei cittadini che stanno facendo fronte comune intorno ad Emergency e Gino Strada a sostegno della manifestazione di sabato prossimo.

Su Facebook la pagina dell'evento continua a riempirsi di adesioni e gli inviti ad espandersi a macchia d'olio, coinvolgendo sempre più persone convinte della bontà dell'associazione e dei suoi intenti.

L'appuntamento con la manifestazione per chiedere la liberazione dei tre operatori è per sabato 17 aprile alle 15 in Piazza Navona a Roma; informazioni dettagliate su Emergency anche sulla pagina ufficiale della Ong su Facebook a questo indirizzo.

(foto ©Emergency)

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2016