Excite

BTJunkie viene filtrato ma resta raggiungibile

Qualche giorno fa è stato sferrato un duro colpo al mondo del BitTorrent filtrando il noto motore per scaricare musica, libri e film, Btjunkie.org.

La Magistratura insieme alla Guardia di Finanza di Cagliari ha infatti lanciato l'operazione Poisonous Dahlia per filtrare Btjunkie già finito nell'occhio del ciclone dell'amministrazione Obama per violazione del diritto d'autore.

Il blocco all'accesso del sito di torrent è stato inibito da un ordine emesso dal PM e che quindi è definitivo se non messo in discussione da un ricorso in Cassazione, eventualità che sembra i titolari del sito non vogliano seguire.

La FIMI, Federazione Industria Musicale Italiana, ha applaudito a questa operazione indicando dati d'utilizzo importanti: 500 mila accessi quotidiani dall'Italia e 3,5 milionidi euro l'anno i guadagni sviluppati dalla pubblicità.

Btjunkie avrebbbe addirittura inciso sul fallimento di Dahlia TV e sui ricavi di altri canali a pagamento attraverso la condivisione di materiale protetto da copyright. L'accesso al sito però ora avviene senza cambi di DNS o altre tecniche ma utilizzando soltanto un proxy.

I gestori hanno infatti comunicato che è possibile per gli italiani accedere al sito tramite proxyitalia.com/btjunkie.org oppure con Anonymouse, Google Translate. Insomma il blocco c'è ma il modo per aggirarlo esiste finchè non arriveranno le nuove regole dell'Agcom.

La 'chiusura' comunque servirà a far perdere traffico e soldi a Btjunkie perchè molti utenti non conoscono il proxy o troveranno scomodo usarlo e dotarsi di VPN o altri mezzi. Come già successo per The Pirate Bay anche su Btjunkie il traffico crollerà di circa il 70%?

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2016