Excite

Brendan Eich, dimissioni da Mozilla dopo la polemica sui matrimoni gay

Il neo amministratore delegato di Mozilla, Brendan Eich, si è dimesso a causa di tutte le polemiche scatenate per le sue posizioni contrarie alle nozze gay. Dopo una sola settimana dalla sua promozione al vertice dell'azienda, nella quale le provocazioni e lo scontento del pubblico hanno portato una fetta della popolazione a sostenere, addirittura, una campagna di boicottaggio verso il famoso browser Firefox, lascia la sua posizione tra critiche e scontenti.

La questione è sorta una volta scoperto che l'ex CEO aveva appoggiato, nel 2008, la Proposizione 8, il referendum della California contrario al matrimonio tra persone dello stesso sesso (che ha poi proibito le nozze gay nello stato) contribuendo alla causa con una donazione di 1000 euro. Una cifra del tutto legale, ma che è stata accolta dallo scontento del pubblico nel momento in cui l'uomo aveva assunto la sua nuova prestigiosa carica.

Dopo le prime critiche, Eich ha deciso di rilasciare un'intervista al New York Times in cui ha sottolineato come, vita personale e professionale siano separate e, sopratutto nel suo caso, in grado di convivere distanti l'una dall'altra senza alcuna interferenza. Ma questa dichiarazione non è stata sufficiente per Mitchell Baker, il presidente di Mozilla che, oltre a salutare il suo ex nuovo amministratore delegato si è scusato con il pubblico sottolineando come la sua società creda “nell'uguaglianza e nelle liberta di parola" e di come, quindi, questa promozione dell'uomo abbia comportato un disequilibrio nelle politiche aziendali.

Felicità, dunque, nella comunità gay che era stata anche la promotrice, attraverso il famoso sito di incontri online OkCupid.com, del boicottaggio di Mozilla Firefox, un po' meno in quella scientifica e tecnologica che da sempre ha visto in Brendan Eich l'uomo che ha inventato il linguaggio Javascript e che è stato il co-fondatore di Mozilla. Ora non ci resta che aspettare di conoscere chi sarà destinato a prendere il suo posto di CEO.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017