Excite

Bitcoin, problemi tecnici e attacchi hacker: il boss di Mt.Gox dice addio

  • Getty Images

Anche i ricchi piangono. Non solo dati positivi e numeri in ascesa per Bitcoin, la moneta virtuale sempre più utilizzata sul web. Dopo mesi di problemi tecnici e attacchi hacker che hanno bloccato i prelievi in dollari, l'amministratore delegato di Mt.Gox ha annunciato le sue dimissioni dalla Bitcoin Foundation.

Bitcoin, è mania: vola oltre quota 1000 dollari, mentre aumentano furti su web

La decisione del numero uno di uno dei più grandi exchange di Bitcoin al mondo sta facendo parecchio discutere: Mark Karpelès è convinto del suo addio, secondo quanto riporta il "Wall Street Journal". Mt.Gox era una delle società che compongono il board della fondazione che sostiene la moneta virtuale nel mondo.

La decisione, in pratica, arriva dopo settimane di pressioni notevoli e richieste da parte di investitori della valuta, inclusa una petizione online che chiedeva le dimissioni di Karpelès. Un addio, quello dell'amministratore delegato dell'exchange con base a Tokyo che arriva a pochi mesi da quello del vicepresidente della fondazione, Charles Shrem. Quest'ultimo, nel gennaio scorso, aveva fatto un passo indietro dopo essere stato arrestato per riciclaggio di denaro.

Su Mt.Gox, che continua ad avere problemi tecnici, il Bitcoin, adesso, è scambiato a 191 dollari contro i 578 dollari di CoinDesk, un altro exchange dell'ormai famosa e sempre più utilizzata moneta virtuale. "Il ribasso su Mt.Gox riflette il continuo pensiero del mercato che la bancarotta sia molto probabile", ha detto al Wall Street Journal il professore di finanza della Boston University, Mark T. Williams. "Ci sono molti clienti che non possono ancora prelevare il proprio denaro", ha concluso Williams.

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017