Excite

Bing, risultati incoraggianti per il motore Microsoft

A meno di un mese dal lancio, Microsoft traccia il primo bilancio dell'attività e dei risultati raggiunti dal suo motore di ricerca Bing, che in poco è riuscito a calamitare l'attenzione generale.

Secondo ComScore nella scorsa settimana Bing ha raggiunto il 16% e nella settimana precedente era arrivato al 12,1% dopo essere passato per il lusinghiero 11,3% della settimana di lancio.

Risultati che appaiono interessanti soprattutto se consideriamo che solo a maggio Google deteneva il 65% delle quote del mercato in America, seguito da Yahoo con il 20,1% e da Microsoft con l'8%.

Bing ha permesso dunque a Microsoft di raddoppiare la sua penetrazione nel mercato dei motori di ricerca negli Stati Uniti.

"Siamo tutti abituati ad usare Google come motore di ricerca ma sappiamo anche che ha dei difetti, che ci sono troppi risultati inutili, che spesso per trovare quello che vogliamo bisogna fare più ricerche", ha dichiarato Darren Houston, vicepresidente di Microsoft.

"Noi vogliamo provare a migliorare, ad andare avanti e offrire agli utenti delle ricerche migliori. Bing dimostra che ci sono queste opportunità e che siamo sulla strada giusta. Trovare le informazioni giuste è diventato cruciale non solo per gli utenti ma per le aziende, per chi con Internet lavora, per l'intera società. Oggi non ci sono più le enciclopedie con tutti i loro tomi, c'è la rete con tutte le sue informazioni, e queste informazioni devono poter essere trovate con facilità e precisione", ha continuato.

Per poi concludere: "è ancora presto per dire se Bing possa davvero fare concorrenza a Google, ma la nostra è una strategia di lunga durata".

E per penetrare ancora di più, Bing sarà il sostituto ufficiale di Live Search Mobile per Pocket PC e smartphone dotati di sistema operativo Windows Mobile: tanti i servizi attivi e interattivi su Bing Mobile che in questo modo tenta di cavalcare il successo dei cellulari per farsi largo tra i concorrenti.

Non è certamente il caso di gridare al successo dell'anno ma se le cose continueranno così Bing potrà mettere in seria discussione il ruolo di Google che, a ben guardare, già sembra intimorito dalla nuova creatura Microsoft se è vero che, come ha scritto il New York Times, il team di sviluppo di Mountain View si sta dedicando espressamente alla ricerca dei motivi per cui l'algoritmo di Bing potrebbe declassare quello di Google.

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2016