Excite

Bimbe in vendita su Facebook

  • Facebook

Si dice spesso che su Facebook non vadano messe le fotografie dei minori perché qualche malintenzionato potrebbe utilizzarle per fini non propriamente onorevoli. Potrebbe trasformarle, modificarle, ripubblicarle. Ma che succede quando il malintenzionato è uno dei genitori?

Bimbi autistici picchiati in casa famiglia: il video

In queste ore sta tenendo banco la vicenda di una mamma “rea” di aver pubblicato su Facebook la fotografia delle sue figlie con l’agghiacciante didascalia “Bimbe in vendita con lo sconto del 45%. Chi le vuole? Sono delle pesti”. Naturalmente la frase poteva tranquillamente passare come un simpatico sfogo di una mamma sfinita se non fosse che nell’immagine le due bambine si vedono imbavagliate e con i polsi legati da del nastro adesivo. L’immagine è diventata virale e le segnalazioni sono state a bizzeffe. Un’onda di proteste che ha costretto la polizia a intervenire per fare luce sulla vicenda.

La polizia di Memphis ha aperto un’indagine, la foto è finita in copertina su Metro Uk e diverse stazioni radio hanno provato a intervistare la madre. Ecco alcune dichiarazioni della donna: “La nostra famiglia e i nostri amici sanno quanto amiamo i bambini ed è assurdo pensare che l'intera vita di una persona venga giudicata sulla base di un singolo evento. Praticamente uno scherzo e la gente è impazzita. Le persone commettono errori e poi succedono queste situazioni, lezione imparata. Sono sani e salvi e amati, questo è tutto quello che c'è da sapere”.

La donna appare su Facebook con il nome Jaton Justsilly Jaibabi ma pare si tratti di un nickname. A scorrere la foto del profilo si vedono diverse foto con le figlie che però appaiono sempre serene e felici. La foto originale non aveva i volti pixelati. Operazione questa svolta dai media per tutelare l’identità delle minori.

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017