Excite

Bambini e internet, pornografia e violenza tra le parole più cercate dai giovani sul web

Internet, lo sappiamo bene, nasconde molte insidie che tentano anche i piccoli navigatori: un recente studio ha sottolineato le alte percentuali di bambini e ragazzi che, ogni giorno, navigando sul web, visitano siti dai contenuti definiti come indesiderati o pericolosi sopratutto per la loro giovane età. Sembra proprio che pornografia, violenza, droghe, download illegale e gioco d'azzardo siano tematiche ormai comuni a tutti loro, con dati davvero sorprendenti.

Dall'indagine realizzata da Kaspersky Lab, che ha lavorato sui dati forniti tramite il suo filtro parental control (usato dai genitori utilizzano per bloccare determinati contenuti ai propri figli) scopriamo che, solo in Italia, il 44% dei baby internauti entra in siti porno: una percentuale molto elevata ma che nulla ha a che vedere con il Giappone, in cui si arriva alla cifra record del 74,9%, con i nostri cugini francesi, che si aggiudicano il secondo posto con il 68,9%, con il Messico (al terzo posto con il 56,3%) o, ancora, con Gran Bretagna (48,8%) e Australia (51,85).

Pornografia online: il 95% dei genitori ha scoperto i figli

Ma non si parla solo di sesso in questo lavoro svolto da Kaspersky Lab, che arriva a delineare, in totale, dieci categorie di siti cliccati dai giovanissimi, tra le quali troviamo droga, violenza, giochi online, pagamenti tramite carte di credito, software illegali, gioco d'azzardo e, addirittura, armi. A ricercare queste ultime sono sopratutto i russi, con un 26% totale dei dati analizzati, paese seguito a ruota proprio dai nostri piccoli connazionali, con il 14% e, con “solo” il 12% dagli USA.

Twitter e violenza, ecco le mosse del social network

L'Italia si distingue anche nel gioco d'azzardo, dove appare prima nella ricerca con un 16% (seguita da USA e Gran Bretagna con, rispettivamente, il 15% e il 14%, nei siti che richiedono pagamenti con carte di credito (8% in Italia, 5% in Francia e 2% in Germania) e, più in generale, in quelli senza censura (9%).

Oltre alla pornografia, però, quello che maggiormente i bambini e i ragazzi cercano su internet, secondo la ricerca di Kasperky Lab, non sono sopratutto i contenuti ad alta violenza (ricercati dal 9% dei messicani, 7% degli statunitensi e il 5% di inglesi e francesi) ma quelli dedicati al download dei software illegali che letteralmente spopolano in Cina (con il 69,4%, seguito dal 24% in Spagna e il 10,6% in Giappone).

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017