Excite

Ask, la privacy nelle mani dell'utente

Quanto è tutelata la nostra privacy quando facciamo ricerche su Google o altri motori? L'Unione Europea si sta dando da fare per regolamentare al meglio la questione, al fine di salvaguardare i dati personali dei cittadini.

Nell'avvicinamento alla tutela massima dei navigatori, Google va avanti a piccoli passi (non sufficienti, secondo alcuni), mentre è Ask, l'Altro motore di ricerca, a presentare un servizio che per certi versi rappresenta una rivoluzione, a tutto vantaggio dei cercatori. Si chiama AskEraser, sarà lanciato prossimamente, e darà in mano all'utente il controllo completo delle proprie ricerche, permettendo di cancellare, istantaneamente e definitivamente, tutti i dati raccolti dal motore. La cronologia delle cose cercate sarà quindi totalmente controllabile dal navigatore, che nella schermata di ogni ricerca può selezionare (e tenere d'occhio) lo stato di privacy da lui impostato. "AskEraser è un'ottima soluzione per quelli che vogliono un livello di privacy più alto quando cercano online", ha dichiarato Jim Lanzone, amministratore delegato di Ask.

E mentre Microsoft dichiara anch'essa di avvicinarsi agli utenti con una migliore politica a riguardo della privacy, il suo responsabile Peter Cullen si oppone ad una ricerca troppo anonima: "Una privacy davvero totale potrebbe essere controproducente, potrebbe favorire molestatori online".

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2016