Excite

Antenna UMTS fai da te: la soluzione domestica per amplificare i segnali radio

La rete cellulare italiana risulta essere tra le migliori al mondo in termini di percentuale di copertura del territorio. TIM, il primo operatore nazionale per utenti e fatturato vanta addirittura una copertura prossima al 100% per quanto concerne la rete GSM, mentre giunge ad una copertura superiore all'80% in relazione alla rete UMTS / HSPA (che tra l'altro tende sempre più ad essere incrementata grazie ai continui lavori di ampliamento delle Stazioni Radio Base - BTS) sparse sul territorio italiano.

Ciò premesso, resta quel 20% di territorio non ancora servito dal segnale UMTS e soprattutto quelle zone dove pur essendo presente, il segnale possiede livelli tali da non essere sufficiente per permettere una trasmissione dati a velocità adeguate alle moderne esigenze oppure che si azzera del tutto appena si entra in un edificio (attenuato dalla presenza delle pareti e dalla struttura stessa della costruzione).

Proprio nelle aree dove si sperimenta una carenza di segnale è possibile ovviare al problema ricorrendo alla costruzione di un' antenna UMTS fai da te . Consente di amplificare il segnale e di costituire un vero e proprio ponte radio tra il nostro cellulare e la stazione radio base di riferimento. E' possibile optare per una duplice soluzione: le antenne passive omnidirezionali oppure quelle direttive.

Le antenne omnidirezionali sono particolari antenne radio che emettono il segnale amplificato in ugual misura in tutte le direzioni. Grazie a tale caratteristica, tali antenne non necessitano di un particolare orientamento in fase di installazione. Sono in grado di amplificare il segnale del ripetitore circostante, incrementando le prestazioni sia in ricezione che in trasmissione. E' altresì consigliabile montare le antenne nel punto più in alto possibile e meglio esposto alla stazione radio base (in genere in terrazzo o in balcone).

Viceversa, le antenne direttive hanno la peculiarità di avere un cosiddetto lobo di trasmissione, ovvero sono in grado di ricevere e trasmettere un segnale solo se confinato all'interno di una certa area ristretta che punta in direzione dell'antenna. Per questo motivo necessitano di un opportuno orientamento in fase di installazione. Questa soluzione è consigliata solo nei casi di scarsissima presenza del segnale anche al di fuori dell'ambiente in cui si intende utilizzare il servizio.

L'installazione di un kit fai da te necessita ovviamente di almeno una tra le antenne descritte sopra ed un cavo conduttore con impedenza 75 Ohm, che si occuperà di trasportare il segnale dall'antenna ad un dispositivo modem che a sua volta avrà il compito di interfacciarsi con l'apparato mobile che si intende utilizzare.

E' possibile trovare questo genere di kit presso tutti i rivenditori di elettronica con prezzi variabili in funzione della tipologia di antenna prescelta e delle caratteristiche del modem. Se tutto viene montato correttamente è subito possibile rilevare l'incremento di segnale (in genere nell'ordine di diversi dB) semplicemente osservando l'apposita icona presente sul display del proprio cellulare.

 

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2016