Excite

Acquista Google.com per 12 dollari e controlla il pannello per circa un minuto: ecco come ha fatto Sanmay Ved

  • Excite Italia

di Simone Rausi

Nel mare delle nuove professioni dell’ultim’ora, quella dell’ “imprenditore di domini” è un’alternativa sempre più scelta per la speranza di un guadagno passivo. Si prova a individuare quella parola che nei motori di ricerca riceve tanti click e si acquista il dominio che la contiene nella speranza di rivenderlo a caro prezzo ad acquirenti interessati o di tirar su un bel po’ di soldi con pubblicità e visite. Sanmay Ved, che di professione fa tutt’altro ma che nel settore ha una certa esperienza (lavorava a Google) è riuscito ad acquistare il dominio più redditizio e cercato in assoluto.

Ok Google invia messaggi su Whatsapp, WeChat e Line. Ecco il nuovo aggiornamento

Non ci crederete ma, il signor Ved, è riuscito a comprare per soli 12 dollari il dominio www.google.com. Come ha fatto? Nessun trucco da hacker, anzi, ha eseguito la stessa procedura banale che seguirebbe ogni comune mortale per comprare un dominio. È andato su Google Domain, ha cercato – quasi per scherzo – Google.com e ha scoperto che il dominio era libero e acquistabile...

A questo punto, convinto che si trattasse di un errore di sistema o di un malfunzionamento, ha provato (senza poi crederci troppo) ad ultimare l’acquisto e, inserendo i dati anagrafici e quelli della carta, ha preso possesso del dominio pagando solo dodici dollari. Tutto nella norma, compresa la mail di conferma arrivata all’indirizzo mail associato. A questo punto, come ogni buon nerd che si rispetti, Sanmay Ved ha deciso di pavoneggiarsi con il mondo e ha pubblicato la ricevuta d’acquisto su Linkedin. D’altronde, chi non assumerebbe la persona che è riuscita a compare Google per meno di dieci euro?

La cosa più incredibile è che Ved sia riuscito ad avere il pieno controllo sulla console di gestione di Google.com riservata ai webmaster per oltre un minuto. In quei 60 secondi ha avuto libero accesso a messaggi privati e altri dati estremamente riservati. “Ho lavorato per Google e ho continuato a interessarmi ai suoi prodotti. Quando ho digitato Google.com, sorprendentemente, è risultato disponibile. Ho pensato a un errore, ma ho potuto poi completare l’acquisto” ha detto Ved ai giornalisti di Business Insider. Una fedeltà all’azienda che l’ex dipendente deve avere ancora ben radicata considerando che è stato lui stesso, autonomamente, ad avvertire il Team di sicurezza di Mountain View di quanto accaduto. Si cerca adesso di capire se si è trattato di un errore informatico o umano.

web20.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017